Dic 062012
 

Bambini, ragazzi e poi uomini. Bambine, ragazze e poi donne.

Ma siamo sempre noi stessi, siamo sempre i soliti davanti alla specchio. Magari con piccole differenze, ma sempre noi. La passione è come noi: si trasforma, cambia, a volte diminuisce per poi ri-esplodere, ma non cessa mai.

E la cosa più meravigliosa, credeteci o meno, è che è la passione a conoscere noi. Si, proprio cosi. Rimane lì, a volte zitta zitta , e a volte molto esuberante e rumorosa, ma è sempre li.

A volte non la sentiamo, a volte cerchiamo di sfuggire, ma lei sa come prenderci, sa come svegliarci e sa come rimanere ancorata dentro noi stessi.

Ci conosce perchè è nostra e niente e nessuno potrà mai togliercela. Lei è li, sempre e comunque in ogni forma e in ogni angolo del nostro corpo.

Come quando stai ascoltando una canzone e il pianoforte non suona semplici note, ma ogni tasto schiacciato è come un fulmine che cade sulla terra e che squarcia il cielo, potente, sublime e carico di energia. Ti smouve dentro, ti dà emozione perchè in quell’istante la canzone parla di te, è tua.

La moto è parte integrante della nostra vita perchè, semplicemente, parla di noi. Parlare di moto significa parlare ,di ricordi, esperienze, amici ed emozioni… insomma, di vita. La nostra.

Bambini, ragazzi e poi uomini. Bambine, ragazze e poi donne.

Ma sempre motociclisti.

Dai un'occhiata anche a:

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>