Giu 272015
 

L3

Altro viaggio, altro aereo e altro fuso orario. Questa volta arrivo a Louisville in Kentucky e, subito dopo aver affittato l’auto, guido in direzione del fiume Ohio, lo attraverso ed entro in Indiana, a Jeffersonville. Ho preso alloggio in un B&B molto caratteristico che mi accoglie subito con un’atmosfera magica e gradevole che mi fa sentire quasi a casa… dopo circa 18 ore che sono uscito dalla mia…

Il tempo di entrare in camera e subito sulla cartina controllo un buon percorso per farmi una bella corsa. Come al solito la risposta è semplice: lungo il fiumo Ohio! Esco dal B&B e a due isolati prendo la Riverside Drive che costeggia il fiume su una bella pista ciclabile tra gli alberi e piccoli parchetti.

Il caldo e l’umidità sono impressionanti, dopo due minuti la canotta è già inzuppata e si fa veramente fatica a tenere il ritmo, anche se sto svolgendo un lento. Aiuta molto però la novità del percorso, gli uccelli che affollano le rive e il fiume impetuoso e vasto che con le sue acque marroni e fangose fa da sfondo al rumore dei miei passi. Sulla riva opposta Louisville mi regala uno skyline da cartolina con i grattacieli, lo stadio e le prime luci che iniziano ad accendersi al tramonto.

Supero alcuni monumenti commemorativi della spedizione di Lewis e Clark e giunto a 6 km di percorso faccio inversione e torno verso la base. Il sole tramonta e i prati magicamente di accendono di mille lucine verdi tremolanti… LUCCIOLE! Era una decida d’anni che non ne vedevo! Un altro spettacolo che rende la mia corsa ancora più magica.

Continuo col mio passo, prendo mentalmente nota di un bel Grill-Bar per la cena e rientro nella zona residenziale. Giungo infine al B&B dove afferro un paio di “scones” alle mandorle dalla credenza e, sgranocchiandoli, mi avvio in camera per la doccia.

Stanco (per me sono circa le 3 del mattino), ma soddisfatto, cammino fino al Grill-Bar per la cena. Ordino un full-rack di ribs e con un paio di birre artigianali, chiudo con una cheesecake al burro di arachidi e pago il conto lasciando una buona mancia al cameriere che mi ha fatto compagnia scambiando quattro chiacchere.

Rientrato al B&B  la signora mi chiede gentilmente cosa preferisco mangiare per la colazione del mattino dopo… A certe domande esiste una sola risposta: PANCAKES!

Previous Image
Next Image

Dai un'occhiata anche a:

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>