Feb 022012
 

Niente velocità, niente saponette grattate, niente gomme troppo usurate… è così che la moto piace a molte di noi: tutta ORIGINALE o magari con un piccolo ed insignificante simbolo che la renderà più nostra… come un fiocco sul manubrio!!!!!

La donna, molte volte, vive diversamente il piacere di esser motociclista rispetto all’uomo….

E’ vero che la maggior parte di noi, proprio come gli uomini, vive la moto per quello che riesce a trasmettere.

Scrive Paola di Milano (Bonneville Triumph): “aver il tempo di assaporare tutto quello che ho attorno coi miei ritmi e con i miei modi. L’ho comprata in un momento in cui avevo bisogno di un grande cambiamento e ho così finalmente realizzato il sogno di una vita… mi piace stare sola coi miei pensieri, oppure in compagnia di persone che condividono la mia passione”…

E, come scrive anche Maria di Pisa (Bonneville Triumph): “andare in moto mi libera la mente e mi fa sentire che sto vivendo. Io e la moto, i viaggi in solitaria dove sono costretta a parlare con me stessa… e solo io decido dove come e quando andare…Volevo la moto da quando avevo 14 anni!!! E alla fine, con le mie forze, ci sono riuscita!!!”

Ma per alcune invece, dietro l’acquisto di una moto, predomina il desiderio di sentirsi FORTI, il voler dimostrare di potere arrivare ovunque se lo vogliamo, poter dimostrare di non avere limiti, essere indipendenti ed intraprendenti così come solo poche donne sanno essere. Come appunto scrive Chiara di Roma (Bonneville Triumph): “Mi son smontata la moto e me la sono rimontata, fatti lavori e carrozzeria… l’indipendenza, non dal maschio, ma l’indipendeza in sè… sapersela cavare senza aver sempre bisogno di qualcuno. Indipendentemente dall’essere donna.”

C’è chi invece ci vede una sorta di emancipazione femminile, scrive infatti Nicoletta di Treviso (Bonneville Triumph): “fare una cosa che fino a anni fa era considerata solo “maschile” ha il suo fascino… Certo il maschio forse è più che altro attratto dal motore, cavalli, potenza, scarichi, assetti ecc….Per me il concetto di moto non è legato solo alla velocità, cicilistica o potenza… avendo una Bonny, come puoi capire… è più una questione di life style.”

Dietro questi pensieri si percepisce una voglia di uscire fuori dagli schemi, di sentirsi DIVERSE. Si nascondono debolezze ed insicurezze, si cela una spiccata voglia di potere osare in un mondo che fino a pochi decenni fa non ci apparteneva!

Dai un'occhiata anche a:

  4 Responses to “Intervista al femminile: del perché siamo diventate motocicliste…”

  1. bellissimo….articolo…

  2. …Bellissime testimonianze……Vi “AMO” tutte 😉

  3. Ammiro moltissimo le donna che guidano in moto, a mio avviso, arricchiscono ancora di più il loro fascino, mantenendo, se non arricchendo, la loro femminilità.

  4. Ciao Paola. Purtroppo ho letto solo oggi questo tuo articolo. Molto bello. Sono anche io un amante della bonneville, insieme ad un bel gruppetto di fratellanza. Siamo la
    Bandabonnisti. Cercaci sul web. Magari potresti dividere questa tua passione con noi. Atomix.

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>