Gen 122012
 

Stefano Bonetti nasce nel 1976 a Lovere in provincia di Bergamo ed è attualmente la punta di diamante del motociclismo italiano delle corse su strada.

Già da ragazzino si innamora del Mountain e i racconti di Cantalupo e Martinel lo affascinarono fino a portarlo a debuttare nel 2004 all’Isola di Man.

Ma il passo non è stato cosi breve e la bacheca personale di Stefano è costellata di successi, vittorie e campionati dominati.

Vince nel 2001 il CIVS nella classe 125 e nel 2002 quello nella 250cc.  Nel 2004 è campione italiano di salita nelle 600cc open e l’anno successivo nelle 1000cc classe open.

E non si ferma qui: si ripete negli anni successivi fino alla fantastica tripletta degli ultimi anni, 2009, 2010 e 2011, arrivando così a vincere 7 campionati italiani di velocità in salita.

Il tutto condito da partecipazioni al Tourist Trophy, alla NorthWest e all’ Ulster GP.

Il Mountain ha il posto d’onore nel cuore di Stefano ed è il suo circuito preferito. Anno dopo anno il centauro bergamasco migliora e diventa il pilota italiano più veloce di sempre sul circuito dell’Isola di Man, con il  giro veloce a oltre 200 Km/h di media.

Il Tourist Trophy riesce finalmente a dare a Stefano anche un po’ di notorietà che purtroppo, in Italia, non è riservata ai campioni e ai piloti di talento che corrono i campionati di velocità in salita.

Bonetti è stimato e amato dai tifosi appassionati di corse su strada e dai motociclisti che guardano all’essenza piuttosto che al contorno, ed è supportato da un bel gruppo di tifosi che lo accompagna nelle trasferte più impegnative e difficili.

Personalmente credo che Stefano sia uno dei piloti che incarni al meglio la filosofia e lo spirito del motociclismo allo stato puro e genuino, di passione e amore per le due ruote che non ha bisogno di essere per forza sugli schermi televisivi, ma che si accontenta dei risultati e dell’adrenalina che le corse su strada regalano. Non per nulla, la sua immagine in piega al TT è lo sfondo del nostro blog!

Forse fino ad ora non ne avevate sentito parlare e non l’avevate mai visto… beh se d’ora in poi lo incontrerete per strada, camminando, potrete salutarlo e fargli i complimenti… Se invece lo incontrerete per strada, in moto, non cambierà nulla: continuerete a non vederlo. Però lo sentirete, con le orecchie e, più pesante, nel vostro orgoglio, distrutto dal sorpasso che vi ha appena fatto.

Forza Stefano! I nostri migliori auguri per la stagione e per il TT 2012!

Per saperne di più su questo campione e per sostenerlo, visitate il suo sito: http://www.stefanobonetti.com/

 

Dai un'occhiata anche a:

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>