Gen 292012
 

Li abbiamo visti a velocità normale e ci hanno fatto rizzare i peli sulla nuca.

Le moto sfrecciano cosi veloci tra case, marciapiedi e alberi che è difficile vedere ogni movimento e ogni sollecitazione che pilota e  mezzo subiscono.

Ora spariamoci dei video slow motion, per apprezzare ancora di più cosa significhi Tourist Trophy.

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Gen 282012
 

Ci potete trovare riuniti davanti ad un bar.  In autostrada  con il sole o sotto un temporale estivo. Radunati in cima ad un passo di montagna. In colonna durante un raduno. Fermi ad un semaforo in una fredda serata d’inverno.

Bloccati per un guasto in tangenziale. Siamo tanti ed ognuno con la sua passione. Piccola ma intensa come la luce di una candela o travolgente e forte come una valanga. Siamo motociclisti.

Forse strani pazzi o romantici . Siamo quelli ammirati da alcuni, detestati da altri ma mai odiati. Forse perchè rappresentiamo quella spensieratezza  che accompagna chi dalla vita aspetta ancora tanto. Sotto caschi  colorati uomini che non smettono d’essere ragazzi e ragazzi che pensano d’essere uomini.

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Gen 262012
 

Il ginocchio a terra è paragonabile ad un rito ancestrale tribale in cui l’adolescente affronta una prova pericolosa e difficile per entrare a far parte degli adulti. Per i motociclisti è esattamente lo stesso: mettere il ginocchio a terra è, erroneamente, la più comune prova del saper andare in moto fra il popolo del bar. Il dato tangibile del passaggio da fermone a manetta.

Quanti motociclisti aveste visto camminare nel piazzale antistante il bar con fare da veterano di mille battaglie, con un sorriso carico di compiacimento sul volto e l’andatura dinoccolata ad evidenziare le ginocchia e quindi le relative saponette limate? Gli slider hanno lo stesso valore dei gradi sulle spalline degli ufficiali, sono come le stellette che elevano di rango chi le porta…

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Gen 252012
 

Magari si esagera… eh si… sembriamo proprio dei pazzi… parliamo delle nostre moto quasi paragonando l’affetto che proviamo per loro, all’affetto che si prova per una persona amata….

Quante sono le frasi, dedicate alle moto, che cominciano con parole tipo “mi sei mancata tanto…. non vedevo l’ora di riabbracciarti dopo il freddo invernale… staccarmi da te sara’ dura… non posso vivere senza di te”… tutte frasi piene di parole che sembrano dettate da un innamoramento…e poi …puff…ti rendi conto che quelle parole sono dedicate ad una motocicletta: quasi una barzelletta per molti e ci si ride quasi sopra. Ridiamo anche noi che siamo motociclisti… è come se ci prendessimo in giro da soli… come se sapessimo e dessimo per scontato che, agli occhi degli altri, noi siamo come degli extraterrestri…

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Gen 242012
 

Altro pilota, altra disciplina. Si parla di un protagonista del Freestyle Motocross Italiano.

Carlo Caresana, membro della Daboot, per gli amici Carletto, nato a Vigevano (PV) nel maggio dell’1985, inizia la sua carriera motociclistica a 6 anni quando il babbo gli regala un Lem 50, raccomandandosi di non fare lo spericolato: altrimenti addio moto.

Tempo due giorni e si va a schiantare contro un muro a tutta velocità, rimediando solo un grosso rimprovero; ma non la confisca della moto.

Nel 2000, dopo il recupero da un brutto incidente, affronta la prima gara di Motocross nel regionale lombardo UISP Amatori, in sella alla sua Yamaha Yz 125. A fine giornata ottiene un 3° posto assoluto.

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Gen 232012
 

Torno a scrivere dopo diversi giorni di astinenza, e torno alla tastiera per parlare non solo di moto.

Lo faccio per dare un piccolo aggiornamento sulla situazione del blog, per riflettere su tutto il lavoro fatto e, come al solito per ringraziare i nostri lettori, collaboratori e autori.

Come ormai sapete, il blog ha mosso i primi passi lo scorso Ottobre e da allora è cresciuto, è stato implementato ed è diventato un vero e proprio sito. Ho contato sull’aiuto e la collaborazione di amici che si son trasformati in autori e che hanno ( e continuano ) a dedicare il loro tempo per creare articoli e contenuti che ci auguriamo essere di interesse per tutti voi.

Al momento abbiamo visitatori regolari, una quantità insperata di fans su Facebook e riceviamo spesso i vostri complimenti sicché credo di poter dire di aver fatto un buon lavoro. E, mi ripeto, è stato il lavoro di tutto il team del Carogna seguito e coadiuvato dai vostri contributi e i vostri suggerimenti.

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a: