Lug 132015
 

Chalkida (1)

Rimaniamo in Europa, in un paese che adoro e in cui sono sempre molto felice di recarmi: la Grecia! Terra di sole e mare, di campi bruciati dal sole con le uniche ombre degli ulivi. Case con contorni bianchi e blu e gente cordiale che sa godersi la vita sorseggiando vino alla resina, gustando insalate con la feta e finendo la serata con un buon ouzo.

La mia destinazione è Chalkida (Calcide), unico punto di contatto tra il continente e l’isola di Evia (Eubea). Il collegamento è stabilito tramite due ponti, uno nuovo strallato e uno molto antico che unisce il piccolo canale che separa l’isola dalla terra ferma.

Il mio hotel è proprio a due passi dal ponte vecchio, che ancora oggi viene aperto per permettere il passaggio di navi di grandi e medie dimensioni. E da qui parte il mio percorso di running, ormai consolidato da anni di visite nella zona.

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Lug 012015
 

Cle1 (9)

Torniamo in USA, questa volta in Ohio dove ho già soggiornato diverse volte a Cleveland. Durante questo viaggio ho la possibilità di soggiornare Downtown e di godermi per una giornata intera la città.

Cleveland non è di certo una città turistica, anzi a volte viene indicata con sarcasmo come una delle mete peggiori in assoluto di tutti gli USA… Ok… non è NYC… però Cleveland è affacciata sul lago Erie, è bagnata dal fiume Cuyahoga ed è famosa per la Rock and Roll Hall of Fame. Ha molti teatri (la famosa Playhouse Square) e vi sono parecchi musei… Insomma direi che per un paio di giorni c’è da essere impegnati!

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Giu 272015
 

L3

Altro viaggio, altro aereo e altro fuso orario. Questa volta arrivo a Louisville in Kentucky e, subito dopo aver affittato l’auto, guido in direzione del fiume Ohio, lo attraverso ed entro in Indiana, a Jeffersonville. Ho preso alloggio in un B&B molto caratteristico che mi accoglie subito con un’atmosfera magica e gradevole che mi fa sentire quasi a casa… dopo circa 18 ore che sono uscito dalla mia…

Il tempo di entrare in camera e subito sulla cartina controllo un buon percorso per farmi una bella corsa. Come al solito la risposta è semplice: lungo il fiumo Ohio! Esco dal B&B e a due isolati prendo la Riverside Drive che costeggia il fiume su una bella pista ciclabile tra gli alberi e piccoli parchetti. Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Giu 172015
 

IMG_7330

Ecco un altro paese che adoro! Dimentichiamoci dei pregiudizio e dei racconti che lo dipingono come violento e pericoloso, il Sud Africa è un paese meraviglioso.

Oggi nello specifico vi parlo di Port Elizabeth, una città all’estremo sud  a diretto contatto con l’Oceano da una parte e la natura incontaminata dall’altra. E’ una cittadina moderna, famosa per il surf e meta turistica locale. Il lungomare è magnifico e costellato di ristoranti e negozietti in legno; il lungo pontile permette passeggiate meravigliose ed è molto facile avvistare i delfini che giocano fra i piloni.

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Mag 192015
 

IMG_8709

Si vola negli USA questa volta, direttamente a Nashville, Tennessee. E’ la “music town” famosa per il Country, sede di numerose case discografiche ma, soprattutto, piena zeppa di locali e bar con musica dal vivo dove 24h su 24h si esibiscono band locali e nazionali.

Ovunque ti giri c’è un piccolo concerto, un bar con birre ghiacciate o un negozio di CD e chitarre… insomma un vero paradiso per gli amanti della musica e dello stile da bar USA.

Io atterro sabato 18 Ottobre e il giorno successivo si terrà la Nashville Half Marathon… Come potrei rinunciarvi? eh… lo so… ho fatto la maratona di Brussels solo due settimane fa e il ginocchio mi fa ancora male… sarebbe da masochisti fare 21 km di fila in questa situazione… ma.. beh… dai… quando mi ricapita?

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a:
Mag 172015
 

IMG_2943

Pechino, in una sola parola, si può definire caotica. E’ vasta, immensa e fremente di gente che turbina per le strade e nei cunicoli della metropolitana in sciami scomposti. La smania di copiare l’occidente è a livelli imbarazzanti: tutti i giovani hanno cappelli a tesa larga e dritta con scritte in inglese e i vestiti estremizzano il mito della jungla urbana americana. E nessuno alza la testa. Le prime tre vertebre della colonna vertebrale sono sempre ad angolo acuto, schiacciate per permettere alle persone di stare appiccicate ai proprio smartphone.

Sono veramente rimasto scioccato dall’utilizzo esagerato di tale apparecchi qui in Cina. Davvero la gente non guarda neppure dove va e gli scontri, dettati anche dal sovrappopolamento della città, sono all’ordine del secondo. Le persone seguono il flusso dei pendolari a testa bassa, senza guardare avanti a sè, incuranti e abituati alle collisioni a cui non reagiscono minimamente. Non si chiedono scusa e non alzano mai gli occhi dal cellulare.

Continue reading »

Dai un'occhiata anche a: